frase del momento:

voglio un pensiero superficiale che renda la pelle splendida

(Afterhours - Voglio una pelle splendida)

lunedì 4 giugno 2007

Notti insonni...

maturano parole dentro
incomprensibili fuori
come suoni mai ascoltati
frantumano tranquillità apparenti
in falsi specchi della felicità

sono io o non lo so
sono io o non lo so

fuochi che bruciano
campi secchi
in distese sverginate
da aratri meccanici
e diserbanti chimici
immagini ricorrenti
di un futuro quasi passato


P.s: ognuno ha una sua cura per alleviare le notti insonni...non me ne vogliano i miei amici. Max

23 commenti:

valeria ha detto...

sei stato tu ad averla scritta??

valeria ha detto...

non si può di certo dire che io soffra d'inonnia,ma la mattina mi sveglio veramente presto,solo che non partorisco niente di poetico...bevo il mio caffè,mangio i miei oro ciok(la pubblicità si può fare??),fumo una bella sigarettina e comincia la mia giornata!prova con la camomilla o con le erbe della notte,non funzionano,ma l'effetto placebo a volte aiuta!buon giorno

Uomo Distrutto ha detto...

grande max.

un compagno di notti insonni

G.C ha detto...

Ehi...Finalmente un post dove si intravede la tua interiorità!
Complimenti...una bella poesia, sicuramente degna di essere commentata! Intimi versi liberi hanno dato voce alle tue emozioni, ai tuoi pensieri, alle tue paure!
Bella...

P.S. informati, ci sono dei validi concorsi di poesia in giro!!
premio 500 euri, potresti provare..NO?

uncaroragazzoscrive.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Notte insonne? Mangiato pesante? ;-)

Ok, battuta a parte, non è male questa poesia: il fuoco che brucia campi secchi è un simbolo di purificazione & rinascita..
Spero tu possa trovare i suoni comprensibili per far uscire fuori queste parole oggi incomprensibili, e inseminare così di nuova vita i prati del tuo futuro..
Comincia sorridendo :-)

...

Osteria dei Satiri ha detto...

interessante la tua tesi interpretativa...grazie per i complimenti a questi pensieri sparsi...lo spero anche io di trovare questi suoni più comprensibili e di passare meno notti insonni...

per valeria la camomilla non mi fa nessun effetto...ci vorrebbe qualcosa per spegnere il cervello di colpo...

per g.c. grazie per le belle parole, per quanto riguarda i premi per il momento non mi interessano..vediamo in futuro...

ciao Max

Anonimo ha detto...

Volevo dire che questa poesia è bellisima, ma non quato quel figaccio di GIOSSYNO GANGAROSSA!!!!
ciao massy

Mary ha detto...

Sai quante notti insonni trascorro....e allora o scrivo o penso. Meglio la prima...

Satiro abbandonato Peppe C. ha detto...

Gran bella poesia ...
e tanti bei commenti dentro di te scorre una gran bella vena poetica...
ma nn ti montare la testa

Anonimo ha detto...

Ma perchè non dovrebbe montarsela per una volta che gli fanno i complimenti?
Non credo che arriverebbe a sentirsi un poeta da inserire nei libri di letteratura, ma almeno un sorriso glielo strapperanno, e non è poco..

Ti rinnovo i miei complimenti max :-)

...

Emilia ha detto...

bella...
"immagini ricorrenti
di un futuro quasi passato"

Osteria dei Satiri ha detto...

ragazzi grazie dei complimenti.non preoccupatevi non mi monto la testa...infatti io non mi azzardo nemmeno a chiamarle poesie, a volte, ma pensieri sparsi.
ha ragione (...) però tutto questo apprezzamento mi strappa qualche sorriso. vi ringrazio per questo.

per emilia: la frase è bella, ma avevo paura che "un futuro quasi passato" potesse risultare quasi senza senso...invece ce l'ha eccome.

ciao Max

Emilia ha detto...

certo che ha senso e viene espresso benissimo! :-)

Chiara ha detto...

Non me ne voglia l'autore della poesia ma Peppe ne ha scritta una che è la fine del mondo...........

Osteria dei Satiri ha detto...

può darsi nessuno mette in dubbio che Peppe possa scriverne di migliori...cmq leggendo i tuoi commenti, stai messa malissimo...fatti vedere!!!

ciao Max

Osteria dei Satiri ha detto...

P.S: l'autore non te ne vuole anzi è preoccupato per la tua salute...un consiglio! cmq si scherza...
ciao Max

Anonimo ha detto...

max hai ragione ma nn essere burbero!!

x chiara:perchè nn fondi una religione:IL PEPPISMO.
guarda ti suggerisco una preghiera:

peppe nostro che sei a Bologna
sia santificato il tuo nome
venga il tuo mondo perfetto
sia fatta la tua volontà
ovunque tu voglia
dacci un pò del tuo sapere quotidiano
liberacci dal qualunquismo....

cmq la puoi continuare tu questa era solo un idea!!

ciao

Anonimo ha detto...

@chiara: (prima di replicare devo pulire lo schermo dalla bava cosparsa sulla finestra dei commenti..)

Il fatto che Peppe ne abbia scritta una che è la fine del mondo, non offusca la bellezza (a colui al quale è piaciuta) di quella di max.


@max: un consiglio, non preoccuparti che i versi che scrivi possano avere senso. In poesia è anzi più bello creare giochi di parole che apparentemente non sembrano avere correlazione.
Anzi, ad essere precisi, quello che hai scritto tu ("un futuro quasi passato") si identifica in una figura retorica, e si chiama "ossimoro".

Ok, mò la smetto, non hai chiesto d'altronde un avvocato d'ufficio! ;-)

...

Anonimo ha detto...

Eeee l'invidia è una brutta cosa. Noto che esce spesso fuori il nome di questo Peppe; questo vuol dire che per alcuni è una gran bella persona (quasi un idolo), mentre per altri è fonte di invidia e gelosia.
Chiara ha fatto una sua riflessione (se pur ingenua), conoscendo immagino sia l'autore che Peppe, non voleva di certo, a mio avviso, scatenare una discussione su Peppe... Caro Peppe, non ti conosco (mi piacerebbe conoscerti), ma ti dò un consiglio: guardati alle spalle, l'invidia non fa distinzione tra amici, conoscenti e passanti!

Osteria dei Satiri ha detto...

@ ... : so benissimo che in poesia è proprio bello questo, il fatto di poter giocare con le parole, il fatto di poterle accostare anche solo per il suono, per la rima, gli ossimori, le metafore, e quant'altro...cmq la mia era solo una piccola osservazione sulla frase che era piaciuta ad emilia...per sottolineare l'importanza che aveva quella frase per me...

@ anonimo: bella trama, sembra un film di James Bond...l'invidia, guardati le spalle da conoscenti e passanti e amici...oltre al fatto che Chiara non conosce l'autore della poesia, e mi sembrava fuori luogo il suo commento, come se io andassi in un sito, e lasciassi un commento del tipo: si però Peppe ha un sito che è la fine del mondo!
cmq se vuoi conoscere Peppe contattalo...

ciao Max

Zio Angelo ha detto...

qualche verso sparso per vederne l'effetto......ci provo anch'io:

nella notte ........ il silenzio fa un rumore cieco più forte di me e delle mie emozioni che solitarie vagano e si confondono nel vuoto e nel buio attorno.

i pensieri si affollano e affaticano la mente ma non rompono quel silenzio maledetto e infermo della notte che c'è in me...

mi abbandono e non resisto, spengo l'auricolare alla mia anima stanca di aspettare un nuovo giorno....

la intitolerei......il rumore del silenzio
Zio Angelo
Bravo Max, sei forte!!!!!!
.... qual è la poesia che ha scritto Giuseppe?

Osteria dei Satiri ha detto...

grazie zio Angelo...della tua presenza e delle perle che ci regali...il rumore del silenzio è figo come titolo!
per la poesia di giuseppe devi chiedere o a lui o qualche sua fans!
ciao max

Anonimo ha detto...

Invidioso,invidioso,invidioso!!!!!!!